Dromedario

di Fabio Circelli

Vuoto l’assoluto pensiero
Distinto te da me
Uniti in sabbia, sole
E Dune brillanti
D’infinito patire
E’ perizia sentire l’altro
Diversamente labile
Entrare nelle sue carni
Sentirne il soffio
Ecco il Vitale mantice solo
Per solitudine invidia
In attitudine sorregge
Di molestia difende
Corpi schiaffeggiati
Ed ugualitaria sorte
Con Putrefatta idea
Del medesimo deserto
Incallito per fiore reciso.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiuso

lknxf

[wpgmza id="1"]
[contact-form-7 404 "Non trovato"]